Gita fuori porta alla scoperta dei Gonzaga: Sabbioneta

Per la festa della mamma sono venuti a trovarci i genitori di M. e dopo aver festeggiato entrambe le nostre mamme il sabato a pranzo, abbiamo dedicato la domenica ad una gita fuori porta in uno dei borghi che volevamo visitare da tempo: Sabbioneta.

Sabbioneta rientra nel circolo dei Borghi più belli d’Italia e si trova in provincia di Mantova, sulla strada che porta a Parma. Fonde quindi aspetti della cultura lombarda (come la sbrisolona) ad altri della cultura emiliana (come il gnocco fritto!).

Nel 2008 insieme a Mantova è stata inserita dall’UNESCO nell’elenco dei patrimoni dell’umanità. Come la maggior parte dei borghi di origine medievale è una città fortificata, e ha vissuto sotto il dominio della famiglia Gonzaga, i duchi di Mantova, di cui si ricorda in particolare Vespasiano Gonzaga Colonna che la fondò intorno al 1555.

La prima cosa che vi consiglio di fare una volta arrivati è raggiungere il centro e recarvi all’ufficio informazioni turistiche dove potrete trovare una piccola cartina della città con tutti i luoghi più interessanti e da non perdere, e acquistare il biglietto cumulativo per gli ingressi ai vari palazzi della città (Intero 12.50, Ridotto 8.50). Con due euro in più avrete anche il biglietto per la visita alla Chiesa della Beata Vergine Incoronata (o Mausoleo di Vespasiano). Vi consiglio di non perdervela.

La volta ottagonale della Chiesa della Beata Vergine Incoronata

La volta ottagonale della Chiesa della Beata Vergine Incoronata

Ora che ci troviamo sulla piazza principale, Piazza D’Armi, possiamo passeggiare lungo la Galleria e poi entrare del Palazzo del Giardino e percorrere le sue stanze affrescate, fino ad arrivare al Corridor Grande o Galleria degli Antichi, proprio sopra la Galleria che avrete percorso prima. Uscendo dirigetevi verso il Teatro all’Antica, incredibile come possa serbare questa sorpresa una volta entrati!

La Galleria

La Galleria

Tutti i monumenti chiudono dalle 13 alle 14.30, quindi regolatevi per la pausa pranzo, per cui vi consiglio di prenotare all’Osteria La Dispensa. Noi purtroppo non lo sapevamo e abbiamo dovuto ripiegare su un altro ristorante, ma il menu era spettacolare e davvero tipico: dal luccio in salsa ai tortelli di zucca per terminare con una fetta di Elvezia o un pezzo di Sbrisolona.

La Cavalcata a Palazzo Ducale

La Cavalcata a Palazzo Ducale

Terminate il giro della città visitando la Sinagoga, che testimonia la presenta di un’importante comunità ebraica già ai temi del Duca. Seguite poi per la Piazza e il Palazzo Ducale, un tempo residenza del Duca e palazzo del governo. Al suo interno potrete trovare anche la Calvalcata, una collezione di quattro statue equestri di cui una raffigura Vespasiano, e infine la Chiesa della Beata Vergine Incoronata.

La statua bronzea di Vespasiano Gonzaga

La statua bronzea di Vespasiano Gonzaga

A corpo ottagonale ospita il Mausoleo ducale e dal 1592 anche la statua bronzea di Vespasiano. Passeggiando per le stradine della città fortificata potrete trovare facilmente una pasticceria dove acquistare qualche dolce tipico o un vasetto di mostarda. Io vi consiglio di portarvi a casa una sbrisolona, molto buona quella della Pasticceria Atena, proprio sulla Piazza D’Armi 🙂

Se abitate nei paraggi vi consiglio di farci un salto per passare una bella giornata in un paesino tranquillo e ricco di storia.

Buon ponte del 2 giugno a tutti e a presto!

Photography by M.

ps. Iscrivetevi alla newsletter, sto lavorando per voi 🙂

Annunci