Un pomeriggio al MART

Metti una domenica pomeriggio afosa e rovente, metti una mostra dal titolo accattivante…ed ecco il nostro pomeriggio al MART di Rovereto (TN).mart_1Cos’è il MART innanzitutto? Museo d’Arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto (che detta così, dovrebbe essere il MATR, ma pazienza). è una struttura abbastanza recente, dal 2002 nella sua forma definitiva, che ospita al suo interno una collezione permanente, un’esibizione temporanea, sale congressi e una fornitissima biblioteca. Oltre ad essere un museo è infatti un luogo di studio e ricerca per molti appassionati.

la guerra che verràLa nostra visita al MART nasce dal desiderio di visitare l’esibizione temporanea “La guerra che verrà non è la prima”, presente al museo fino al prossimo 20 settembre e dedicata al centenario della prima guerra mondiale, conflitto che ha visto molto coinvolti i trentini.
Nonostante io non sia un’appassionata di arte moderna e/o contemporanea, ma prediliga più l’espressionismo, l’arte neoclassica e via dicendo, vi consiglio caldamente di fare tappa a questa esibizione qualora vi capitasse di passare per Rovereto. Perché?

Ora vi racconto…noi abbiamo visitato la mostra una domenica pomeriggio, e fortuna ha voluto che alle 15.15 ci fosse una visita guidata che è costata solo 2 euro in più rispetto al biglietto di ingresso (11 euro). La guida, una ragazza molto preparata sugli artisti e sugli avvenimenti storici, ci ha accompagnato nel labirinto di installazioni, una più curiosa dell’altra. La mostra si prefigge di narrare e ricordare il primo grande conflitto mondiale attraverso i dipinti dell’epoca futurista, anche di molti pittori di guerra, che erano stati al fronte e, in aggiunta, attraverso realizzazioni appositamente studiate per l’esibizione o realizzate per narrare altri conflitti più vicini ai giorni nostri, Vietnam, Iran…Oltre ai “classici” dipinti, troverete quindi anche sculture con i più disparati materiali, raccolte di cartoline, manifesti pubblicitari e di propaganda, installazioni luminose, blocchi di cera scolpita, residuati bellici originali, puzzle, fotografie…

mart2 Mi è piaciuta la volontà di descrivere il conflitto visto dai civili, mostrando quello che vedeva la gente comune, attraverso giornali, foto, manifesti…e il contrasto vecchio-nuovo è molto stimolante. Non fai in tempo ad abituarti alla parete di quadri futuristi che dietro l’angolo sbucano arazzi o cumuli di elmetti e munizioni.mart3

Per noi è stato veramente un pomeriggio ben impiegato! Per maggiori informazioni sulla mostra permanente e l’Archivio del ‘900 vi rimando al sito del museo.
E voi? Siete mai stati al MART?

A presto!

Photography by M.

Se ti è piaciuto il post, vota il blog cliccando sul banner qui sotto!

classifiche

Annunci